La lunga battaglia di Taiwan per l'adesione alle Nazioni Unite

Ci sono paesi che lavorano quotidianamente per l'affermazione di principi totalitari come la Cina e paesi che lavorano quotidianamente per l'affermazione di principi giuridici democratici come Taiwan. Nel 75° anniversario della fondazione delle Nazioni Unite, Taipei rinnova la richiesta di rientrare nell'organizzazione. Taiwan ha combattuto con successo l'emergere e il diffondersi della pandemia sanitaria da coronavirus, ed è riuscita a farlo senza imposizioni di proposte legislative autoritarie e senza bloccare totalmente tutte le attività lavorative.

Nel 2020, il mondo è stato colpito da una crisi sanitaria senza precedenti, con gli effetti che si sono fatti sentire in ogni aspetto della vita delle persone. "Quest'anno cade anche il 75 ° anniversario della firma della Carta delle Nazioni Unite, la dichiarazione di intenti che è al centro del multilateralismo inclusivo di cui il mondo ha così tanto bisogno in questo momento. Ora più che mai, la comunità globale deve compiere uno sforzo comune per forgiare un futuro migliore e sostenibile, come richiesto dall'ONU e dai suoi Stati membri. Taiwan è pronta, desiderosa e in grado di partecipare a questi sforzi.

Con meno di 500 casi confermati e sette decessi, Taiwan ha sfidato le previsioni e ha contenuto con successo il coronavirus. Le scuole sono rimaste chiuse solo per due settimane a febbraio. Anche le partite di baseball sono ricominciate ad aprile. Inizialmente dei cartonati sostituivano la folla, ma a metà luglio le partite sono tornate a pieno regime, con un pubblico fino a 10.000 spettatori", ha dichiarato Jaushieh Joseph Wu, Ministro degli Affari Esteri di Taiwan. La forza reattiva di Taiwan si è concentrata sulla prevenzione, l'analisi dei dati attraverso la tecnologia e la ricerca scientifica in ambito medico.

L'istituzione di un Centro di comando centrale per le epidemie, l'implementazione di rigorosi controlli alle frontiere, procedure di quarantena, e la condivisione trasparente delle informazioni, oltre a garantire forniture mediche di alto livello e in quantità sufficiente da poterne anche inviare anche a paesi esteri, Italia compresa, hanno rappresentato la chiave di successo dell'isola contro la pandemia sanitaria. Considerato l'immenso lavoro svolto, Taiwan vuole contribuire, con la comunità internazionale, nella lotta alla pandemia sanitaria, chiedendo l'inclusione, oltre che nell'Organizzazione mondiale della sanità, anche nelle Nazioni Unite.

“Nella Dichiarazione sulla commemorazione del settantacinquesimo anniversario delle Nazioni Unite, i governi e i capi di Stato riconoscono che solo lavorando insieme in solidarietà possiamo porre fine alla pandemia e affrontare efficacemente le conseguenze. Essi si impegnano quindi a rendere l'ONU più inclusiva e a non lasciare nessuno indietro, mentre il mondo cerca di riprendersi dalla pandemia. Allo stesso modo, nelle osservazioni al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite su ‘Multilateralismo dopo COVID-19: di che tipo di ONU abbiamo bisogno per il 75 ° anniversario?‘ svoltosi in luglio, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che un multilateralismo inclusivo, efficace e interconnesso aiuterebbe gli sforzi globali per promuovere la ripresa e la continua attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Non possiamo essere più d'accordo. Tuttavia, questa visione sembra essere carente quando a Taiwan - una delle democrazie modello del mondo e una storia di successo nel contenere l'attuale pandemia - continua a essere impedito di partecipare e scambiare esperienze e informazioni con il sistema delle Nazioni Unite“, dichiara il Ministro Jaushieh Joseph Wu.

Non sfruttare il contributo di Taiwan alle Nazioni Unite è una perdita per la comunità globale e sarà d’ostacolo agli sforzi degli Stati membri nel ritrovare la normalità e attuare pienamente e puntualmente l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Attingendo al suo eccellente lavoro sugli SDG, Taiwan può aiutare i paesi a riprendersi meglio dalle interruzioni causate dalla pandemia. D'altronde, l'Isola aiuta già da tempo i paesi partner in Africa, Asia, Caraibi, America Latina e Pacifico a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, lavorando su tematiche dell'attualità molto importanti come l'energia verde e sostenibile, la gestione dei rifiuti e la prevenzione dei disastri naturali.

La richiesta di Taiwan è semplicemente quella di partecipare alla vita democratica delle nazioni. "Sfortunatamente, ai 23,5 milioni di persone di Taiwan viene negato l'accesso anche agli spazi delle Nazioni Unite. Anche ai giornalisti taiwanesi e ai media viene negato l'accreditamento per seguire le riunioni delle Nazioni Unite. Questa politica discriminatoria deriva dalle ingiuste pretese e pressioni di uno Stato autoritario e viola il principio di universalità e uguaglianza su cui è stata fondata l'ONU", conclude il Ministro degli Affari Esteri di Taiwan. L'Europa, Italia compresa, ha il dovere di riflettere su quali relazioni intrattenere, come sviluppare il futuro della diplomazia con la pericolosa Cina e di come si continui a trattare Taiwan. In gioco vi è il futuro stesso delle relazioni internazionali e della democrazia.