Baby modelle: quando la moda sfrutta le bambine

Questa volta i riflettori non si accendono in passerella. Né per una posa fotografica. Eppure il fenomeno delle bambine modelle, sempre più in ascesa, rischia di essere sottovalutato e mal celato dalle tante ombre che il mondo dello spettacolo porta con sé. Le piccole protagoniste piacciono perché sono spontanee, spiritose, disinvolte, talvolta anche imbronciate. Ma il mondo della moda ha spesso regole troppo lontane da quella che è la vita reale rischiando di far vivere il sogno come un incubo, il divertimento come sacrificio.

Piacere ed essere piaciute. Truccarsi per essere guardate, emulare per essere emulate. Crescere troppo in fretta. Cosa ci facciano realmente queste bambine in ambienti così difficili è la vera domanda. Gli spettacoli, le sfilate e i servizi fotografici sono una causa o un effetto? La colpa è tutta delle piccole miss alle quali piace giocosamente apparire o delle persone interessate ad un mercato – di immagine ma anche economico – così fiorente e in espansione?

Dopo il libro-inchiesta delle giovani modelle e aspiranti lolite della giornalista Flavia Piccinni (Bellissime, Fandango, 2017), le preoccupazioni sembrano avere toccato la sensibilità di molti. Mamme, lettrici, associazioni e istituzioni hanno ben compreso i rischi di un’adultizzazione precoce, spesso anticamera di sfruttamento e stereotipi di genere.

Tuttavia, il dibattito sull’impego dei bambini nel mondo fatato della televisione o dei set pubblicitari, si scontra con un business non da poco: il childrenswear vale 2,7 miliardi di euro (Società Moda Italia, su dati Istat, 2016), un giro d’affari enorme, che si realizza soprattutto nei giorni di Pitti Bimbo, la fiera di riferimento mondiale che si tiene ogni anno alla Fortezza da Basso, a Firenze.

Quello che rimane, oltre all’inquietudine, è il pericolo di una etica del corpo fuori controllo. Perché oggigiorno è la società della rappresentazione a dettare i canoni estetici (psicologicamente anche pericolosi) per intere generazioni di adolescenti. Bambine come sex-symbol, bambine iper-truccate, bambine con pose fuori luogo. Ma anche bimbe che giocano con i trucchi davanti allo specchio, che producono giravolta alla Marilyn Monroe. Piccole donne annoiate con pettinature esagerate e occhiali da sole da diva che invece vorrebbero solo andare a letto presto.

Per non parlare poi del serio rischio nell’uso pedopornografico nella diffusione e riproduzione delle giovani protagoniste, ignare dello sfruttamento di immagine cui sono assoggettate. Le implicazioni e le strumentalizzazioni delle bambine deve quindi trovare un proprio limite. E il confine non potrà che essere tra ciò che è carino e ciò che è sensuale. L’ipersessualizzazione della bellezza è un pericolo, a tutte le età e in tutte le forme.

Proprio in questi giorni è stata celebrata la “Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze”. Quale occasione migliore per ricordare che essere modella è una cosa bella, ma essere bambina lo è ancora di più.