Duckiebot, un piccolo robot dal software salernitano

Duckiebot è un piccolo robot dal software salernitano. È il protagonista dell’ottava edizione della Robot Vision Cup. Il robot del Massachussetts Institute of Technology (Mit) è alto una trentina di centimetri e largo venti. Ha ruote al posto delle gambe, una microtelecamera come occhi e un computer Raspberry PI3 come cervello.

È stato presentato in sei versioni diverse dagli studenti del corso di modelli e sistemi per la visione artificiale della laurea magistrale in Ingegneria informatica dell’Università di Salerno. Gli allievi sono stati divisi in sei squadre da quattro componenti e coordinati dai docenti Mario Vento e Gennaro Percannella.

Duckiebot, grazie al software di visione artificiale, sa muoversi seguendo il codice della strada. Il robot riconosce le vie e i segnali stradali. Si ferma quando deve dare la  la precedenza ai pedoni.

Secondo Mario Vento, direttore del dipartimento di Ingegneria dell’informazione, elettrica e matematica applicata (Diem) dell’università salernitana, “lavorare nella progettazione di sistemi avanzati nel settore della visione artificiale è importante per gli studenti, perché consente di acquisire competenze circa un fenomeno che suscita oggi un grande interesse industriale come quello della guida autonoma degli autoveicoli”.