Ritorna la rubrica settimanale de “L’Opinione” che vuole dare voce e spazio ai volti noti e a quelli meno conosciuti della letteratura italiana. Questa settimana vi consigliamo il libroIl sole nasce per tuttidi Lucia Gravante (Piemme).

Lucia Gravante è nata ad Ivrea il 16 maggio del 1967, laureata all’Isef e insegnante, ha coltivato la sua passione per la recitazione fino a diventare attrice professionista e volto noto del cinema e della televisione. Ha interpretato uno dei personaggi principali del famoso docureality ambientato in un collegio.

La Storia

Un vero e proprio inno alla vita in grado di includere ogni singola sfumatura che essa stessa ci mette di fronte nel bene e nel male. Un tuffo nel passato con le parvenze di un salto nel buio, un’indagine emozionale sulle tracce di una vera e propria rinascita mentale.

“Con parole sincere e senza filtri, Lucia torna agli anni in cui era una ragazzina insicura, timida e frenata dal senso d’inadeguatezza. Anche quando la vita ci riserva soltanto pensieri oscuri, non bisogna mai perdersi d’animo. Lucia ha imparato a lottare per trovare il suo posto nel mondo e ha capito che ognuno di noi può superare i condizionamenti e la paura di non farcela. Spesso la salvezza arriva da una mano tesa al momento giusto, da una frase che spalanca prospettive inaspettate, da una lettura in grado di mostrare che un’altra storia è possibile. Questo libro è la mano tesa di Lucia, un viaggio nella sua storia e nelle sue emozioni, ma anche tra le parole di donne e uomini del mondo della poesia, dell’arte, del cinema che l’hanno aiutata a scoprire fiducia, coraggio, resilienza. Perché anche dopo la notte più nera, il sole sorge per tutti”.

La capacità di tornare a stupirsi di fronte alle piccole cose, alle gioie più semplici, con la consapevolezza che un tempo avremmo dato molta più importanza ad ogni singolo sorriso. Un’opera diaristica resa gradevole da una paratassi reale e da toni caldi, una storia che porta il lettore a lasciarsi andare, liberandosi dai vari dogmi e pregiudizi.

Un cammino costante e mai banale attraverso una vita che ne racchiude tante altre, un racconto didattico in grado di ispirare riflessioni di grande spessore.