Fisco, tasse, tributi: l’esperto risolve

Puntuale anche questa settimana la rubrica del dottor Alfredo Annibali, commercialista di Roma, che settimanalmente risponde ai quesiti dei lettori in materia fiscale e tributaria. Il dottor Annibali vanta un’esperienza trentennale nel settore ed è anche Revisore legale e Perito del Tribunale civile di Roma. Domande e risposte per aiutare il contribuente a destreggiarsi meglio nell’intricato mondo del fisco.

La prossima settimana (o meglio il 18 essendo il 16 sabato) scadrà il termine per versare la seconda rata dell’Imu. Sono molte le domande sulle agevolazioni e in questa sede cercherò di fare un breve schema di quelle a carattere nazionale. Nulla vieta (salvo i vincoli di bilancio) ai singoli Comuni di introdurne di nuove e per questo è meglio consultare i vari siti web.

I casi in cui l’immobile è equiparato ad abitazione principale e pertanto esente dal pagamento dell’imposta sono (dal sito www.amministrazionicomunali.it)

  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del ministro delle Infrastrutture, di concerto con il ministro della Solidarietà sociale, il ministro delle Politiche per la famiglia e il ministro per le Politiche giovanili e le Attività sportive del 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008;
  • la casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • l’unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

E inoltre

  • la casa appartenente a cittadini residenti all’estero, se si è pensionati nel Paese dove si risiede, se si è iscritti all’Aire e l’immobile non risulta né locato né utilizzato per un comodato d’uso.
  • unità immobiliare, non locata, posseduta per proprietà od usufrutto da anziani o disabili ricoverati in istituto, qualora lo stabilisca l’opportuna delibera comunale.

Mario da Genova che gestisce una pizzeria mi chiede: ma alla fine l’aliquota Iva del 10 per cento proprio del mio settore subirà un aumento? Al momento no, ma se non si raggiungeranno gli obiettivi di bilancio probabilmente sarà portata all’11,50 per cento. Ma l’argomento è decisamente prematuro.